Erasmus+ è il programma dell’Unione europea per l’Istruzione, la Formazione, la Gioventù e lo Sport per il 2014-2020 che consente agli studenti di svolgere un periodo di studio e tirocinio (traineeship) all’estero per un periodo massimo di 12 mesi per ogni ciclo di studio nei Paesi membri dell'Unione Europea ed in altri Paesi aderenti al Programma, conseguendo CFU con la garanzia di ottenere il riconoscimento delle attività svolte all’estero.
La mobilità può essere svolta per studio (minimo 3 e massimo 12 mesi) o per traineeship (minimo 2 e massimo 12 mesi).
Tutte le informazioni relative al bando Erasmus (domanda, scadenza, lista delle Università partner etc.) sono disponibili fino all'a.a.a 2020/2021 sul portale Erasmus Manager mentre a partire dall'a.a. 2021/2022 sul Portale Erasmus Mobility dell’Università di Pisa.

Prima di fare domanda per la mobilità Erasmus è necessario prendere visione dei requisiti generali descritti nel bando, dei requisiti specifici del nostro Dipartimento e dei criteri di selezione consultabili su www.unipi.it/index.php/internazionale sulla home page international.dcci.unipi.it e su Erasmus Mobility erasmusmobility.unipi.it/erasmus/welcome

Nel caso in cui il paese ospitante richieda il possesso di un dato livello di conoscenza della lingua, l’Ateneo assegna allo studente una licenza OLS (Online Linguistic Support) dando priorità a coloro che non possiedono un certificato del livello richiesto. Si prega di contattare a tal propostito l'International Office all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il contributo è compatibile con la borsa DSU e l’importo varia a seconda:
• della tipologia di mobilità prescelta (studio o traineeship)
• del paese ospitante

L’erogazione della borsa avviene in due rate: 70% all’arrivo presso il paese ospitante, 30% a conclusione della mobilità. Ad eccezione di chi svolge un traineeship da neolaureato, se a fine della mobilità non vengono acquisiti almeno 6 CFU il saldo del 30% non viene percepito.

È prevista la restituzione della prima rata (70%) nei seguenti casi:
• rinuncia alla mobilità prima del periodo minimo richiesto
• mancata osservanza degli adempimenti relativi alla documentazione
• conseguimento del titolo durante il periodo di mobilità all’estero

 

Documenti utili:
Presentazione Erasmus a.a. 2021/22
FAQ outgoing